Il Grest ad Abbadia di Montepulciano

Montepulciano in estate è anche Grest. Penso abbiate sentito parlare di Grest se così non fosse proverò in poche righe a spiegare che cos’è. La parola Grest sta per Gruppo Estivo o anche Grande Estate. Il Grest è un’esperienza che si svolge in estate, è un momento di crescita rivolto ai ragazzi e ai bambini delle elementari e delle medie che, insieme ai parroci ed a un gruppo di animatori, promuove un esperienza significativa di vita e di amicizia incentrata sulla figura di Gesù. Un significato che non può essere facilmente spiegato ma deve essere per forza vissuto. Chi prepara il Grest lo vive come un momento di crescita personale. È soprattutto un mettersi al servizio del prossimo, un’occasione da non perdere, un modo per mostrare ai ragazzi quanto è bello stare insieme. Per questo motivo gli animatori si devono preparare per organizzare al meglio il tutto. Spesso ha una durata di qualche settimana, durante le quali i ragazzi verranno coinvolti in diverse attività sullo stile dell’oratorio ed avranno la possibilità di scegliere il laboratorio che preferiscono come danza, teatro, chitarra e quello manuale…  Inoltre verranno loro proposti giochi a squadra, che gli daranno non soltanto la possibilità di divertirsi, ma anche quella di manifestare la loro vivacità nel rispetto delle regole e dei compagni di gioco. Tutto il Grest verrà vissuto sullo sfondo di una storia, che li guiderà a conoscere e seguire Gesù, che non disdegna di giocare e divertirsi con loro! La forza del Grest non dipende solo dalla capacità degli animatori e di quanti collaborano, ma anche da chi sta a casa e sostiene in altro modo il tutto collaborando da lontano anche con le preghiere.  

La Parrocchia di San Pietro d Abbadia di Montepulciano, come del resto altre Parrocchie del territorio comunale, è molti anni che si occupano di Grest in modo eccellente. “Pronti, si parte…. via…… per  una vita da campioni” era il motto che guidava l’esperienza 2016 di Abbadia. Aspirare ad una vita piena – spiega Emanuela Limoni una delle ideatrici ed educatrici –  è il tema che ha guidato la settimana del Grest che si è svolta da 1 al 6  agosto 2016 nella Parrocchia di San Pietro ad Abbadia preceduta da una bellissima esperienza nel campo estivo all’Amiata che si è svolta dal  17 al 23 luglio. Ma chi sono i campioni? I campioni sono stati un bel gruppo di circa trenta ragazzi della scuola secondaria di primo e secondo grado. I ragazzi  hanno seguito un percorso di preparazione ideato dal parroco di Abbadia,  Don Manlio Sodi e strutturato dalla dottoressa psicoterapeuta Sofia Tavella e dalla stessa Emanuela Limoni. Il percorso di formazione ha seguito principalmente l’insegnamento di don Bosco integrato da tecniche e strategie  di comportamenti e atteggiamenti da assumere quando si vive e si gestisce un gruppo.

IMG-20160804-WA0058Ovviamente dopo l’esperienza del Grest dello scorso anno e degli anni precedenti, in Abbadia di Montepulciano, c’è stata una bella partecipazione sia al campo scuola svolto all’Amiata con la partecipazione di ragazzi provenienti da vari paesi, sia al Grest. “Vita da campioni” fa pensare ad una bellissima frase di San Giovanni Paolo II: “prendete la vostra vita e fatene un capolavoro”. Gli animatori invece hanno seguito un percorso intitolato ”Vita da campione”, organizzandosi in squadre e ispirandosi, in tema olimpico, a personaggi famosi in ambito sportivo diventando altresì il simbolo della squadra e dando un’impronta alle varie attività da svolgere tutti insieme.  Ogni giornata  ha avuto inizio  con una preghiera seguita poi da canti e giochi. Durante la settimana non sono mancati incontri con persone che si occupano e di tutelare il bene comune e la collettività come i Carabinieri e Vigili del fuoco.  Si è rivelata per tutti una settimana intensa, piena di attività e di buoni propositi conclusasi, come sempre, con una cena offerta in parte dalla Parrocchia e in parte dalla generosità dei genitori che hanno dato il loro contributo per la  riuscita di questa lodevole iniziativa.

Lucia Tremiti
Nasce nel 1969 a Montepulciano dove vive con la famiglia, marito e figlio, ed insegna Rc nella scuola primaria. Si è laureata a Siena in filosofia e a Roma ha conseguito il magistero teologico. Scrive fiabe e favole e raccoglie le antiche novelle della nostra tradizione orale toscana. Ha pubblicato diversi libri per piccoli e grandi lettori. Adora i gatti.

Leave a Comment

TOP